v3 Colore (Studio & Studio Max)

La gestione del colore aiuta a garantire che i colori visualizzati sul monitor siano il più vicino possibile a come dovrebbero apparire.

Inoltre, è possibile configurare il profilo del colore di lavoro che LandscapePro Studio utilizza internamente. Ciò influenza la gamma di colori, che è la gamma di colori che possono essere rappresentati.

Per la velocità massima, selezionare l’opzione Visualizzazione prestazioni elevate. Ciò consente a LandscapePro Studio di ottimizzare l’uso dei profili di colore per lo schermo quando viene utilizzato in modo interattivo. Indipendentemente da questa impostazione, il profilo di lavoro scelto verrà utilizzato durante il salvataggio dei file.

Nota: questa finestra di dialogo è disponibile solo nelle edizioni Studio e Studio Max di LandscapePro. L’edizione Standard di LandscapePro funziona con Gestione colori disattivata e 8 bit per campione di colore. Ciò significa che i colori visualizzati sullo schermo potrebbero non essere accurati, tuttavia i profili di colore sono conservati, il che significa che le immagini salvate da LandscapePro avranno gli stessi profili di colore delle immagini che sono state originariamente caricate. Se si utilizzano queste immagini in altri programmi gestiti a colori, i colori appariranno corretti.

Una spiegazione della gestione del colore

Quando la gestione del colore è attiva, LandscapePro garantisce che i colori sullo schermo siano visualizzati correttamente in base al profilo di colore specificato nell’immagine e al profilo del monitor. Per ottenere i risultati migliori, calibrare il monitor anziché utilizzare il profilo fornito dal produttore del monitor.

Ad esempio, se avete una foto sul disco che avete salvato con un profilo sRGB e avete anche la stessa immagine salvata con un profilo Adobe (1998), verranno visualizzati con colori leggermente diversi con la gestione del colore disattivata, ma quando la gestione del colore è attiva avranno lo stesso aspetto. In effetti, la gestione del colore delle due immagini poteva apparire leggermente diversa a causa della perdita dei colori della gamma quando venivano create le immagini o degli errori di arrotondamento causati dalle diverse conversioni dei profili di colore nel processo di visualizzazione delle immagini. Tuttavia, eventuali modifiche sarebbero molto lievi e normalmente non evidenti.

Se si stampa molto, una buona regola è usare Adobe (1998) come profilo di lavoro, o se si visualizzano principalmente immagini sul monitor il profilo sRGB è più adatto. In entrambi i casi è meglio non convertire da un profilo di colore ad un altro senza una ragione, perché durante la conversione potrebbero esserci colori che diventano fuori gamma (cioè non possono essere rappresentati nel nuovo spazio di colore) e quindi saranno persi e potrebbero essere introdotti errori di arrotondamento che apparirebbero come strisce di colore su sfumature uniformi nell’immagine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *